English French German Italian

Visite agli articoli
188263

Abbiamo 32 visitatori e nessun utente online

WelbyFrancescoDichiarazione comune tra Papa Francesco e Justin Welby

Il testo inegrale della Dichiarazione comune, firmata da Papa Francesco e dall'Arcivescovo di Canterbury, Justin Welby, il 5 ottobre 2016 prima della celebrazione dei Vespri in San Gregorio al Celio, a Roma, in occasione del 50° dell'incontro tra Paolo VI e l'allora Arcivescovo di Canterbury.

Dichiarazione comune

di Sua Santità Papa Francesco

e di Sua Grazia Justin Welby Arcivescovo di Canterbury

Cinquant’anni fa i nostri predecessori, Papa Paolo VI e l’Arcivescovo Michael Ramsey, si incontrarono in questa città, resa sacra dal ministero e dal sangue degli Apostoli Pietro e Paolo.

SETTIMANA DELLE RELIGIONI

5-12 NOVEMBRE 2016

vedi/scarica brochure programma del 5 novembre 

vedi/scarica brochure Programma Settimana delle Religioni

 

Sabato 5       visita alla Casa delle Religioni di Berna (viaggio in treno organizzato dalla Comunità di Lavoro delle Chiese Cristiane nel Ticino): iscrizione presso il sito www.forumdellereligioni.com o scrivendo una e-mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonando allo 091 825 66 46 (partenza dalla stazione FFS di Lugano alle 17.00, rientro alle 21.50: viaggio e pranzo a spese dei partecipanti)

 

Lunedì 7       porte aperte ore 17-20 Centro culturale turco-islamico (Via G. Maggi 4/a Pregassona);  ore16-19 Centro Culturale Imam Ali (Via Boscioro 16, Viganello); Basilica del Sacro Cuore su prenotazione (091 922 01 17)

La strage degli innocenti

 

Oggi più che mai occorre resistere alla tentazione di disperare nella possibilità dell’uomo di vincere la sua disumanità 

 Il saluto dei musulmani è "âs-Salâmu âleikum" (la pace sia con voi). Il Corano afferma che "la parola di Dio è 'Pace'" (36, 58). Nel periodo di Natale appena trascorso, nelle chiese cristiane risuonava il canto degli angeli: "Pace in terra agli uomini di buona volontà". Più che dal canto degli angeli siamo stati storditi, ieri mattina, da una nuova “strage degli innocenti”. Oggi siamo tentati di non credere più a un mondo riappacificato. Oggi più che mai occorre resistere alla tentazione di disperare nella possibilità dell’uomo di vincere la sua disumanità.

picnicUn commento al pic-nic del 22 giugno 2014


"Sembra una fucina di umanità del futuro quella che incontriamo al Picnic di fine giugno sul Monte Bré, e questo esperimento di saggia convivenza sembra molto ben riuscito, a scapito invece di chi, là, fuori, nel mondo, vorrebbe ancora fare della religione un uso ormai indiscutibilmente desueto e inaccettabile. L'aria leggiadra, piacevolissima e disinibita che si respira al Picnic é quella di fratelli e sorelle che finalmente si stanno conoscendo e riconoscendo, dopo anni di latitanza, col gusto intelligente di chi capisce che forse, in passato, ha perso utile tempo e belle occasioni per ampliare il proprio cuore e la propria conoscenza. Ebrei, musulmani, buddisti, induisti, protestanti, cattolici tutti spontaneamente riuniti ed accolti l'un l'altro in un angolo di natura, circondati da fresche fronde svettanti e radici arboree che tanto rammentano una comune radice divina.

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen

AVVISO: I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. I nostri sono solo cookie tecnici, ovvero quelli in grado di registrare informazioni per non costringerci a digitarle ogni volta che visitiamo il sito.