English French German Italian

Visite agli articoli
163534

Abbiamo 20 visitatori e nessun utente online

Questo articolo è stato letto 977 volte

La fede cristiana, le altre fedi e il rifiuto della fede

di Shafique Keshavjee

 

Assieme a tutti i nostri fratelli e sorelle cristiane,

noi confessiamo che il Dio unico è

Padre - al di sopra di ogni cosa e di ognuno;

Figlio - vicino a tutto e ad ognuno

e Spirito Santo - dentro ogni cosa e ognuno.

Noi confessiamo che il Dio tre volte santo è

mistero di trascendenza e di immanenza,

di comunione e di comunicazione, di tenerezza e di giustizia.

 

Assieme ai nostri fratelli e sorelle, in umanità ebrei,

noi confessiamo che Dio è il creatore dell'universo e che è il Santo

e la pienezza del regno del Messia deve ancora venire.

Ma, in modo diverso da loro noi confessiamo che

il Creatore si è fatto creatura e che il Santo si è incarnato.

 

Assieme ai nostri fratelli e sorelle, in umanità musulmani,

noi confessiamo che Dio è sempre più grande di tutti, e che nella sua comunione Dio permane Uno.

Dio è l'Onnipotente, il Perfetto e l'Immortale.

Ma, diversamente da loro, noi confessiamo che

l'Onnipotente ha accettato di essere fragile,

il Perfetto ha rivestito le nostre imperfezioni,

e l'Immortale attraverso la morte e la  risurrezione

di Gesù, ha trasfigurato la nostra mortalità.

 

Assieme ai nostri fratelli e sorelle, in umanità indù,

noi confessiamo che Dio può essere ovunque e che ogni vita merita rispetto.

Dio è l'Uno indescrivibile.

Ma, diversamente da loro, noi confessiamo che la sua Unità è multipla,

e che il mondo multiplo non si riassume nell'Uno.

 

Assieme ai nostri fratelli e sorelle, in umanità buddhisti,

noi confessiamo che la compassione per i più sofferenti è un valore prioritario

per il nostro Universo e che la realtà ultima è inesprimibile.

Ma diversamente da loro, noi confessiamo che l'inesprimibile si è espresso non come un "vuoto" impersonale,

ma come una Personalità che si è "svuotata".

Così, assieme alle religioni dell'Oriente, noi confessiamo che Dio è Silenzio e Soffio.

 

Assieme alle religioni ebraica e musulmana che Dio è Parola

ma diversamente da tutte, noi confessiamo che Dio

è contemporaneamente Silenzio, Parola, Soffio, Padre, Figlio e Spirito Santo,

che la sorgente silenziosa si è fatta Parola,

e la Parola si è fatta carne

e che per mezzo del Soffio della Parola

ogni carne può diventare una parola animata

alla lode di Dio al di là di ogni cosa.

 

Assieme a tutti i nostri fratelli e le nostre sorelle in umanità

senza religione e di buona volontà

noi confessiamo che il servizio autentico di ogni essere umano,

nel rispetto di tutto ciò che è animato o inanimato,

è il compito comune a cui tutti insieme siamo chiamati,

che i diritti degli uomini e delle donne sono inalienabili.

Di fronte alle sofferenze del mondo questa vocazione comune ci sprona con forza.

Ma diversamente da loro, noi confessiamo che l'umano è l'immagine del divino.

Con l'apostolo Paolo e tutti i cristiani di ogni tempo,

noi confessiamo la divinità, l'incarnazione, la morte,

la risurrezione e l'ascensione di Gesù Figlio di Dio

riconosciuto come Messia, che è e che viene. (Filippesi 2,5-11).

E questa confessione comune ci dà tanta gioia.

 

(Proposto dal pastore La Torre e tratto da: - Shafique Keshavjee, Sogno un'unica chiesa per cattolici, protestanti, ortodossi, edizioni Piemme, pp. 35-36, e integrata con le note, dello stesso Keshavjee, riportate alle pp. 61-62)

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

BilerChildrenLeg og SpilAutobranchen

AVVISO: I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. I nostri sono solo cookie tecnici, ovvero quelli in grado di registrare informazioni per non costringerci a digitarle ogni volta che visitiamo il sito.